A Pechino sorgerà un distretto che combina ecologia e arte

Con i suoi 4 milioni di metri quadrati di superficie, sarà il progetto più grande degli ultimi anni

Tra i progetti che hanno più incuriosito il pubblico della Biennale di Architettura a Venezia, Valley XL si mostra come una vera e propria città ecologica. Il nome deriva dalla contea di Xinglong, sobborgo di Pechino dove si trova la valle di Hebei. L’idea di uno spazio godibile da tutti, e al contempo sfruttato in maniera intelligente, si allinea perfettamente con il titolo di quest’anno, ovvero Freespace. Valley XL è stato infatti concepito per essere una nuova meta culturale e turistica, che sia al contempo in avanti per gli alti standard di eco-compatibilità che caratterizzeranno i suoi edifici.

una nuova meta culturale e turistica, che sia al contempo in avanti per gli alti standard di eco-compatibilità

Un’iniziativa encomiabile, specie se consideriamo che Pechino era finora tristemente nota per essere tra le città più inquinate del mondo, e dunque per la sua densa coltre di smog.
Il governo cinese si era mosso a proposito negli ultimi anni per combattere l’emergenza per mezzo di iniziative come l’aumento di alberi piantati nella capitale. Perciò, un progetto come quello di Valley XL, che vanta 2,8 miliardi stanziati interamente da soggetti privati, non poteva che incontrarne il favore.
Sappiamo inoltre che si troverà a circa 97 km dal centro, e che per questa ragione sono già aperti i cantieri per la linea ferroviaria ad alta velocità che ne permetterà lo spostamento in soli 20 minuti.

Il 2019 sarà anche l’anno in cui il progetto arriverà alla sua prima importante tappa con l’inaugurazione del Centro Artistico Valley XL, il quale vede la firma dell’architetto Wang Zhenfei. Si spera quindi che si possa respirare aria nuova e pulita tra le strade di Pechino perché il cielo, dopo tanti anni di oscuramento dovuto ai combustibili fossili, è tornato a essere azzurro.

il cielo, dopo tanti anni di oscuramento dovuto ai combustibili fossili, è tornato a essere azzurro

Dall’Italia parte la svolta green nel settore informatico

La startup sanremese Green Idea Technologies insegna come sia possibile ridurre le emissioni di CO2 senza sacrificare l’efficienza degli apparecchi elettronici
8.12.2018

Sommersi da un mare di plastica

L’epoca dell’usa-e-getta sta portando i nostri mari al collasso. Il Parlamento Europeo dice stop alla plastica monouso dal 2021.
5.12.2018

Lombardia: iniziati i primi test dell’autostrada elettrificata

Dopo l’esperienza positiva negli altri stati europei, i camion potranno a breve viaggiare a impatto zero anche sul suolo italiano
3.12.2018

La Cina mette uno stop ai rifiuti di plastica esteri

La superpotenza asiatica mette uno stop al proprio import di rifiuti plastici, lasciando 111 milioni di tonnellate di plastica in bilico.
1.12.2018

Mantova: in corso il primo forum mondiale sulle foreste urbane

Promosso dalla FAO, sarà presente dal 28 novembre al 1° dicembre. Attesi più di 400 esperti provenienti da oltre 50 paesi
28.11.2018

La bio-batteria in carta potrebbe essere presto realtà

Costituita da componenti biodegradabili e non tossiche per l'ambiente, la sua durata può adesso arrivare a quattro mesi mantenendo inalterate le prestazioni
24.11.2018

Federica Brignone: dalle Alpi alla difesa dei mari

Si chiama Traiettorie Liquide il nuovo progetto sociale promosso da Banca Generali volto a sensibilizzare sul problema della plastica nei mari
21.11.2018

Ecomondo 2018: il tema di quest’anno è smart city

Un riassunto a 360° dell’appuntamento annuale che rende Rimini il punto di riferimento internazionale in materia di economia circolare
19.11.2018

Los Angeles dice no alla vendita delle pellicce

Un segnale di speranza rivolto al terzo settore con il maggiore impatto ambientale, e che rappresenta un'inversione di tendenza in chiave green
17.11.2018

Hunting Pollution, il murale contro l’inquinamento

Più di 1000 metri quadrati dipinti con Airlite, una vernice in grado di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo.
12.11.2018