I giorni in Spagna di Ivan Dimov

Diario di Bordo #3

La burrasca incontrata da Ivan, pochi giorni dopo la sua partenza, lo ha costretto a fermarsi in Spagna per le riparazioni alla barca, ed esattamente presso il porto de “La Coruna” nella regione della Galizia.

Lo skipper ci racconta questi giorni di sosta nella cittadina iberica che ha descritto “un po’ fuori dal tempo…” 

“In questo luogo non c’è frenesia di correre, le giornate per le persone scorrono tranquille, i bambini sono sereni e per loro si organizzano spesso giochi nelle piazze e per i più giovani musica e grigliate all’aperto. Il tutto avviene con semplicità e nel rispetto degli altri.”

In questo luogo non c’è frenesia di correre, le giornate per le persone scorrono tranquille
_

Dovendo rimanere qui qualche giorno per i lavori da svolgere, ho voluto conoscere meglio il luogo e le persone che lo abitano. Ho trovato molta ospitalità e mi sono fatto anche un amico: il cagnolino Pancio.

Qui ho incontrato la solidarietà delle persone, molti conoscono il progetto “Salviamo il Pianeta” e vengono a parlarne con me. Le acque del porto sono sorprendentemente limpide ed hanno una ricchezza di vita che non mi sarei aspettato di trovare: stelle marine, anemoni di mare, granchi e tanti tipi di pesci…

 

Durante la permanenza ho visitato Santiago di Compostela situato qui vicino, meta dei pellegrini di tutti il mondo.

In porto ho stretto amicizia con un gruppo di giovani ragazzi, li ho aiutati nei lavori per la loro barca e loro per ricambiare il favore fatto, mi hanno accompagnato a conoscere un luogo straordinario: Finisterre (fine della terra), uno dei luoghi più a ovest d’Europa continentale. Esso è il punto di arrivo del Cammino di Santiago di Compostela: un luogo davvero magico.

Qui sento nelle persone il rispetto per l’ambiente ed è presente un grande senso di comunità.

Articolo, 27 ago 2018

La sfida in Africa

Articolo, 10 lug 2018

I giorni in Spagna di Ivan Dimov

Ivan Dimov

IL GIRO DEL MONDO IN SOLITARIA

Luca Bracali

AMBASCIATORE PER LA VITA

Betty Colombo

FOTOGRAFA DEL DIVENIRE