Los Angeles dice no alla vendita delle pellicce

Un segnale di speranza rivolto al terzo settore con il maggiore impatto ambientale, e che rappresenta un'inversione di tendenza in chiave green

Lo scorso 18 Settembre, sull’onda di una manifestazione come non se ne vedeva da tempo, il Consiglio della Città di Los Angeles ha dichiarato a voto unanime che la vendita di pelliccia sarà d’ora in poi proibita all’interno della circoscrizione.  Se consideriamo le alte temperature a cui la metropoli californiana è di solito soggetta, o ancora che ben altri tre centri cittadini statunitensi sono stati teatro di questo fenomeno, proibire capi invernali e caldi come le pellicce potrebbe apparire inusuale o non necessario. Se invece teniamo in conto che la sentenza proviene da una delle capitali mondiali della moda, culla di svariate tendenze culturali e di moda, allora è chiaro che siamo giunti a una svolta eccezionale. “Se lo possiamo fare qui, lo possiamo fare ovunque.” – queste le parole del consigliere Paul Koretz, da sempre a favore delle iniziative legate ai diritti degli animali. Per questo motivo, la prospettiva che il messaggio si propaghi in tutto il suolo nazionale, se non nel resto del mondo, rientra fortemente nel campo della possibilità.

Se lo possiamo fare qui, lo possiamo fare ovunque

Aggiungendo inoltre che il settore della moda è anche tra quelli con il maggior impatto ambientale da sempre tra emissioni di CO2, sfruttamento degli animali e utilizzo di sostanze chimiche per il trattamento dei materiali, un simile cambio di marcia non può che essere accolto favorevolmente. In compenso, è necessario affermare che l’uso di materiali cruelty-free parte da più lontano. Ci sono fashion designers come Stella McCartney, figlia dell’ex-bassista dei Beatles Paul McCartney, che da sempre hanno proposto alternative alla pelliccia, ponendosi anche in prima linea nella ricerca e sperimentazione di nuovi materiali più ecologici come la “seta sintetica” e la borsa realizzata con il micelio dei funghi.

E poi ancora, ci sono eventi di importanza internazionale come la London Fashion Week che, oltre al messaggio volto alla sensibilizzazione sul tema, hanno promosso linee di abbigliamento nella più moderna delle finte pellicce il cui nome è eco-fur, o faux-fur. È ormai lampante che il concetto di fashion, come quello del lusso, è destinato a sviluppare una maggiore responsabilità nei confronti dell’ambiente, e la presa di posizione da parte dei maggiori brand del settore come Gucci, Versace, Prada e Louis Vuitton non può che essere incoraggiante.

È ormai lampante che il concetto di fashion, come quello del lusso, è destinato a sviluppare una maggiore responsabilità nei confronti dell’ambiente

Dall’Italia parte la svolta green nel settore informatico

La startup sanremese Green Idea Technologies insegna come sia possibile ridurre le emissioni di CO2 senza sacrificare l’efficienza degli apparecchi elettronici
8.12.2018

Sommersi da un mare di plastica

L’epoca dell’usa-e-getta sta portando i nostri mari al collasso. Il Parlamento Europeo dice stop alla plastica monouso dal 2021.
5.12.2018

Lombardia: iniziati i primi test dell’autostrada elettrificata

Dopo l’esperienza positiva negli altri stati europei, i camion potranno a breve viaggiare a impatto zero anche sul suolo italiano
3.12.2018

La Cina mette uno stop ai rifiuti di plastica esteri

La superpotenza asiatica mette uno stop al proprio import di rifiuti plastici, lasciando 111 milioni di tonnellate di plastica in bilico.
1.12.2018

Mantova: in corso il primo forum mondiale sulle foreste urbane

Promosso dalla FAO, sarà presente dal 28 novembre al 1° dicembre. Attesi più di 400 esperti provenienti da oltre 50 paesi
28.11.2018

La bio-batteria in carta potrebbe essere presto realtà

Costituita da componenti biodegradabili e non tossiche per l'ambiente, la sua durata può adesso arrivare a quattro mesi mantenendo inalterate le prestazioni
24.11.2018

Federica Brignone: dalle Alpi alla difesa dei mari

Si chiama Traiettorie Liquide il nuovo progetto sociale promosso da Banca Generali volto a sensibilizzare sul problema della plastica nei mari
21.11.2018

Ecomondo 2018: il tema di quest’anno è smart city

Un riassunto a 360° dell’appuntamento annuale che rende Rimini il punto di riferimento internazionale in materia di economia circolare
19.11.2018

Los Angeles dice no alla vendita delle pellicce

Un segnale di speranza rivolto al terzo settore con il maggiore impatto ambientale, e che rappresenta un'inversione di tendenza in chiave green
17.11.2018

Hunting Pollution, il murale contro l’inquinamento

Più di 1000 metri quadrati dipinti con Airlite, una vernice in grado di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo.
12.11.2018