I pesci tornano a nuotare nel Mar Morto

La scoperta del fotografo Noam Bedin ha adesso un grande valore per la scienza, e l'ultimo avvistamento di questo tipo risaliva al 2011

Noam Bedin, fotoreporter israeliano, ha scattato alcune foto di alcuni pesci che nuotano nel Mar Morto. La notizia ha dello straordinario, perché è la testimonianza visiva più importante da dopo le scoperte scientifiche risalenti al 2011. Questo è però stato il culmine di un lavoro che il giornalista porta avanti da due anni e fatto per conto del Dead Sea Revival Project, il cui obiettivo è informare sui cambiamenti in essere a questo specchio d’acqua unico al mondo. Il Mar Morto si trova a 400 metri sotto il livello del mare e, trovandosi nella depressione più profonda della terra, presenta una salinità dieci volte superiore rispetto agli oceani. Questa sua peculiarità ha finora reso possibile la vita solo ad alcuni batteri che vivono sul fondo, e la concentrazione non potrà che aumentare.

presenta una salinità talmente alta da consentire la vita solamente ad alcuni batteri che vivono sul fondo

Uno degli aspetti principali sui quali Bedin cerca di sensibilizzare maggiormente l’opinione pubblica è infatti l’abbassamento del livello dell’acqua: “Il Mar Morto offre scenari spettacolari grazie alle sue costruzioni di sale, ma ogni giorno perde l’equivalente di 600 piscine olimpiche di acqua, una vera e propria catastrofe ambientale” — così afferma — “La prossima generazione non potrà godere del Mar Morto come lo conosciamo oggi”. In passato, fiumi e torrenti, con il Giordano in testa, riversavano le acque dolci nel Mar Morto; la sua salinità è invece dovuta all’evaporazione, il cui effetto ha rilasciato sul suolo i sali minerali disciolti e accumulati.

Purtroppo però, a seguito della deviazione forzata del percorso del Giordano da parte delle autorità locali, il livello dell’acqua di questo lago ha cominciato a scendere con questa tragica tendenza. Solo con le dovute soluzioni ambientali e ingegneristiche si potrà invertire questa tendenza, e qualche progetto innovativo è già stato proposto.
In particolare, è stata discussa la fattibilità e il valore apportato dall’eventuale installazione di un impianto di desalinizzazione in congiunta con la riapertura della diga del fiume Giordano. Prima però di poter vedere gli effetti sul lungo termine di simili operazioni, accogliamo con ottimismo la presenza dei pesci nel bacino.

La prossima generazione non potrà godere del Mar Morto come lo conosciamo oggi

Dall’Italia parte la svolta green nel settore informatico

La startup sanremese Green Idea Technologies insegna come sia possibile ridurre le emissioni di CO2 senza sacrificare l’efficienza degli apparecchi elettronici
8.12.2018

Sommersi da un mare di plastica

L’epoca dell’usa-e-getta sta portando i nostri mari al collasso. Il Parlamento Europeo dice stop alla plastica monouso dal 2021.
5.12.2018

Lombardia: iniziati i primi test dell’autostrada elettrificata

Dopo l’esperienza positiva negli altri stati europei, i camion potranno a breve viaggiare a impatto zero anche sul suolo italiano
3.12.2018

La Cina mette uno stop ai rifiuti di plastica esteri

La superpotenza asiatica mette uno stop al proprio import di rifiuti plastici, lasciando 111 milioni di tonnellate di plastica in bilico.
1.12.2018

Mantova: in corso il primo forum mondiale sulle foreste urbane

Promosso dalla FAO, sarà presente dal 28 novembre al 1° dicembre. Attesi più di 400 esperti provenienti da oltre 50 paesi
28.11.2018

La bio-batteria in carta potrebbe essere presto realtà

Costituita da componenti biodegradabili e non tossiche per l'ambiente, la sua durata può adesso arrivare a quattro mesi mantenendo inalterate le prestazioni
24.11.2018

Federica Brignone: dalle Alpi alla difesa dei mari

Si chiama Traiettorie Liquide il nuovo progetto sociale promosso da Banca Generali volto a sensibilizzare sul problema della plastica nei mari
21.11.2018

Ecomondo 2018: il tema di quest’anno è smart city

Un riassunto a 360° dell’appuntamento annuale che rende Rimini il punto di riferimento internazionale in materia di economia circolare
19.11.2018

Los Angeles dice no alla vendita delle pellicce

Un segnale di speranza rivolto al terzo settore con il maggiore impatto ambientale, e che rappresenta un'inversione di tendenza in chiave green
17.11.2018

Hunting Pollution, il murale contro l’inquinamento

Più di 1000 metri quadrati dipinti con Airlite, una vernice in grado di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo.
12.11.2018